La cacciatrice di fate

“La cacciatrice di fate” di Elizabeth May è l’inizio di una serie di romanzi in puro stile steampunk, nei quali le fate non sono proprio ciò che di solito ci si aspetta…

Lady Aileana è la protagonisa, gentildonna dell’Edimburgo ottocentesco, che a seguito della morte della madre per mano di una fata, giura vendetta a questa specie e riscopre in se il dono della cacciatrice. Il personaggio di Aileana è ben caraterizzato, a tratti, direi in modo esagerato; la sua sete di vendetta risulta essere ripetitiva e forzata, al punto da farmi pensare, che l’unica cosa da invidiare alla ragazza è il suo dispensatore automatico di tè. Tuttavia, la storia (ad eccezzione dei primi due o tre capitoli) è molto scorrevole e poco impegnativa, soprattuto dal momento in cui entra in scena Kiaran, il maestro della cacciatrice, nonché una fata che rinnega la sua stessa razza.
Kiaran è singolare, probabilmente è stato più ragionato e studiato il suo personaggio, rispetto a quello della protagonista, rendendolo la carta vincente del romanzo. La componente umana (l’amica Catherine e suo fratello) invece, sembra essere abbozzata e superficiale per quanto riguarda la descrizione; nei dialoghi migliora notevolmente.

Non voglio essere troppo dura, dopotutto le mie delusioni possono essere state create dalle grandi aspettative che avevo. In realtà, questo libro ha molte cose da apprezzare, come il rapporta tra Aileana e Kiaran: un continuo punzecchiarsi che stuzzica un’antipatica dolcezza e affascina il lettore.
Anche l’idea generale alla base del romanzo è bella nonostante sia imperfetta, Elizabeth ha dato vita ad un racconto piacevole e dal finale inatteso, ricco d’azione, durante il quale è impossibile staccare gli occhi dalle pagine, fino a far pronunciare un convinto “voglio il seguito”.

 

Facebook Comments
Precedente Nel nome di Ridge, di Brooke e del Beautiful Santo Successivo La recensione di Joy

One thought on “La cacciatrice di fate

  1. Ella di Libri e librai il said:

    Ciao, ho letto la tua recensione e appena avrò un po’ di tempo lo leggerò senza alcun dubbio!
    Ella

I commenti sono chiusi.